Biol

Nardoni: “Il Premio Biol, un patrimonio per Puglia”. Partita a Bari la kermesse internazionale dell’olio biologico

Written marzo 18th, 2015
Nardoni: “Il Premio Biol, un patrimonio per Puglia”. Partita a Bari la kermesse internazionale dell’olio biologico

L’assessore regionale stamattina alla cerimonia d’apertura. Sullo sfondo della mostra dei 300 oli in gara, la giuria internazionale ha iniziato gli assaggi

Giuria Biol 2015 al lavoro WEB

BARI – “L’agricoltura biologica non è solo un metodo di produzione rispettoso della salute dell’uomo e dell’ambiente, ma anche un modello di sviluppo sostenibile che valorizza la qualità delle risorse delle comunità locali, aiutandole a far fronte alla concorrenza globale. Il Premio Biol è un patrimonio, un evento che sintetizza tutto ciò nell’extravergine bio, di cui la Puglia è eccellente produttrice, e contribuisce a sensibilizzare i consumatori sull’importanza di un’alimentazione sana oltre che gustosa”. Con queste parole l’assessore regionale alle Risorse agrolimentari Fabrizio Nardoni, ha salutato stamattina l’apertura del ventesimo Premio Biol, il concorso per i migliori oli biologici al mondo in programma a Bari fino a venerdì.

E il ruolo della manifestazione è stato sottolineato anche dagli altri intervenuti alla cerimonia svoltasi al Palace Hotel, per due giorni epicentro della kermesse. E se la presidente del primo Municipio Micaela Paparella ha evidenziato come l’evento ponga Bari e la Puglia sotto i riflettori del movimento olivicolo internazionale diventando “un importante strumento di promozione non solo di prodotti ma anche di uno stile di vita più sano e sostenibile”, l’assessore andriese alle Attività produttive Benedetto Miscioscia ha posto l’accento sull’identità territoriale e paesaggistica legate alle cultivar, ricordato il legame dell’evento con Andria, città che ha visto nascere il Premiol ospitandone gran parte delle edizioni.

A condurre l’apertura il coordinatore del Biol, Nino Paparella, che ha presentato l’evento, organizzato dal CiBi, promosso da Regione Puglia (Area Politiche per lo sviluppo rurale), Camera di Commercio di Bari e Città di Andria, e patrocinato dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali e dal Comune di Bari. Il tutto sullo sfondo della suggestiva mostra degli oli concorso – una panoramica di cultivar e packaging a livello mondiale. Quindi il via agli assaggi dei 24 giurati (molti di fatto anche importanti operatori e stakeholders) provenienti, oltre che da varie regioni italiane, anche da Cina, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Grecia, Slovenia, Spagna, Tunisia e Usa. Il panel sta valutando la cerchia finale dei 300 oli in gara, giunti da 14 Paesi, con la grande soddisfazione degli organizzatori per aver raggiunto un numero così alto di campioni nonostante l’annata molto difficile.

I lavori proseguiranno nel pomeriggio di oggi (in serata i giurati parteciperanno a un tour per Bari Vecchia curato dallo Iat di Bari) e domani, giovedì 19, con altre due sedute del panel, al mattino e di pomeriggio. A seguire, dalle 16 alle 19, gli assaggi cederanno il posto alle parole, con l’apertura al pubblico per due incontri tecnici tematici su temi caldi per il settore: il primo su “Olivo, Xylella e biologico”, di cui parlerà l’esperto fitopatologo Antonio Guario; il secondo con Gabriele Papa Pagliardini, direttore Area Politiche sviluppo rurale Regione Puglia, su “Pac, Psr 2014-20 e biologico” (una terza conversazione, su “Olio di oliva e salute”, si terrà alle 20.30 nel Circolo Unione col giornalista agronomico Roberto De Petro e la nutrizionista Annamaria Pasquadibisceglie, nell’ambito della cena di gala del Biol). La conclusione venerdì mattina al Fortino S. Antonio, con la giuria dei ragazzi del BiolKids alle 10 e a seguire la proclamazione finale dei vincitori.

Il Premio Biol (premiobiol.it) è patrocinato anche da Ifoam e AgroBioMediterraneo, e si svolge in collaborazione con Associazione BiolItalia, Gal – Le Città di Castel del Monte, Consorzio Puglia Natura, Axiom Group.

Biol 2015, le dichiarazioni degli enti promotori

Written marzo 18th, 2015
Biol 2015, le dichiarazioni degli enti promotori

Dichiarazioni Enti promotori

 Ass. Reg. Agricoltura Fabrizio Nardoni

  Fabrizio Nardoni, Ass. alle Risorse agroalimentari Regione Puglia

“La Puglia è un vero e proprio giacimento di specialità e di prodotti da agricoltura biologica. Essa non contraddistingue soltanto un metodo di produzione rispettoso della salute dell’uomo e dell’ambiente, ma rappresenta anche un modello di sviluppo sostenibile che valorizza la qualità delle risorse delle comunità locali, aiutandole a far fronte alla concorrenza globale.

Il premio Biol è un evento che, incentrato sull’olio extravergine d’oliva biologico di cui peraltro la Puglia è eccellente produttrice, contribuisce autorevolmente a sensibilizzare i consumatori sull’importanza di una alimentazione sana e allo stesso tempo gustosa. Siamo impegnati a promuovere tutte le nostre produzione biologiche, e in particolare l’EVO per l’importanza della traccia storica e culturale che raffigura, nella consapevolezza che esse custodiscano i più alti valori della civiltà rurale pugliese”.

Ambrosi Alessandro Ambrosi, Presidente Camera di Commercio di Bari

“Vent’anni e non dimostrarli. Pare un’ovvietà ma non lo è. Cinque lustri di Premio Biol, che ha visto nella Camera di Commercio di Bari soggetto fondante e promotore, sono volati in fretta, segnando non solo un traguardo economico ma anche sociale. La leadership pugliese nella produzione si è trasformata negli anni nella crescita del consumo di prodotti biologici e ben oltre gli usi strettamente alimentari. Il Premio è diventato un importante strumento di promozione non solo di prodotti ma anche di uno stile di vita più sano e sostenibile. Queste iniziative, a distanza di tempo, ribadiscono il ruolo strutturale delle istituzioni nell’avviare e consolidare processi di cambiamento, che sono sì occasioni per le imprese, ma soprattutto lo sono per le comunità. Una maggiore attenzione alla salubrità dei processi produttivi è espressione di un mercato finale sempre più evoluto, consapevole e pronto per nuove sfide”.

 

Decaro Antonio Decaro, Sindaco di Bari

“Per la città di Bari è un onore ospitare la XX edizione di una manifestazione che negli anni ha saputo crescere fino ad affermarsi come uno degli appuntamenti più prestigiosi per gli addetti ai lavori del settore olivicolo in Italia e nel mondo.

Produttori, esperti, agronomi, curiosi e appassionati si ritroveranno nella nostra città per un concorso che premia il miglior olio biologico dell’anno mettendo al centro dell’attenzione uno dei prodotti di eccellenza della nostra tradizione agricola e della nostra cultura alimentare.

Nell’anno in cui l’Expo di Milano è dedicata all’alimentazione e Bari con “Cuore della Puglia” partecipa agli eventi collaterali con un programma che intende far conoscere al mondo le eccellenze della nostra filiera agroalimentare, il mio augurio è che i prodotti pugliesi sappiano farsi onore anche al Premio Biol”.

  Miscioscia

 Bendetto Miscioscia, Ass. Marketing territoriale e Agricoltura Città di Andria

“La XX edizione del Premio Biol Città di Andria segna un traguardo importante per la manifestazione con la crescita costante negli anni di un comparto, come quello della produzione olearia di qualità, legato a una maggiore consapevolezza da parte dei consumatori di poter acquistare e utilizzare oli con caratteristiche chimico-fisiche garantite sotto il profilo qualitativo ed esenti da residui di pesticidi. Negli ultimi anni la nostra Amministrazione ha contribuito a garantire alla manifestazione concorsuale il patrocinio con l’obiettivo di diffondere sempre di più la cultura dell’utilizzo consapevole degli oli extravergini biologici non solo nei Paesi del bacino mediterraneo ma anche a livello mondiale, tenuto conto del basso livello di consumo. Un obiettivo che dobbiamo raggiungere per aumentare sempre più nei consumatori la consapevolezza che gli oli di qualità esenti da residui di pesticidi hanno una positiva influenza non solo come condimento ma anche sotto il profilo salutistico. Il tema della coltura non deve prescindere da quello della cultura, una combinazione vincente con risvolti positivi anche per i territori di produzione e per le proprie aziende”.

 

Domani a Bari il via al XX Premio Biol

Written marzo 17th, 2015
Domani a Bari il via al XX Premio Biol

Alle 10 al Palace Hotel l’avvio del concorso mondiale per oli biologici, con la presentazione della giuria internazionale, della mostra dei 300 oli in concorso e le prime sessioni d’assaggio. Tre giorni di panel e incontri tematici fino alla proclamazione dei vincitori in programma venerdì al Fortino

 hotelpalace

La presentazione dei 24 giurati, esperti assaggiatori di extravergini biologici, giunti dall’Italia e dall’estero. L’apertura della mostra – scenografica – dei circa 300 oli giunti in concorso dai vari continenti: di fatto, un viaggio attorno alla cultura e al packaging olivicolo mondiale. Infine il via con le prime sedute d’assaggio e valutazione della cerchia dei finalisti fra gli oli in concorso. Questo il programma della cerimonia d’apertura del Premio Biol, l’unico concorso internazionale per extravergini d’oliva biologici, che aprirà i battenti domani alle 10 al Palace Hotel di Bari. Alla cerimonia inaugurale della ventesima edizione interverranno fra gli altri l’assessore regionale alle Risorse agrolimentari Fabrizio Nardoni, il presidente della Camera di Commercio di Bari Alessandro Ambrosi, la presidente del primo Municipio di Bari Micaela Paparella e l’assessore alle Attività produttive della Città di Andria Benedetto Miscioscia, oltre al coordinatore del Biol Nino Paparella.

Dunque, per tre giorni Bari sarà capitale mondiale dell’olio biologico, grazie all’evento organizzato dal CiBi e promosso da Regione Puglia – Area Politiche per lo sviluppo rurale, Camera di Commercio di Bari e Città di Andria, città nella quale il concorso è nato e che ha ospitato le ultime edizioni.

Nonostante l’annata particolarmente sfavorevole, gli oli iscritti al concorso, ormai un punto di riferimento per il settore, sono circa 300, giunti da 14 Paesi: Albania, Arabia Saudita, Argentina, Austria, Croazia, Grecia, Israele, Portogallo, Slovenia, Spagna, Tunisia, Turchia, Usa, e naturalmente Italia (con 65 oli pugliesi).

A valutarli sarà uno dei punti di forza della manifestazione, appunto la Giuria internazionale, guidata dal capopanel Giorgio Cardone e formata da 24 elaiogheusti (molti di fatto anche importanti operatori e stakeholders) provenienti, oltre che da varie regioni italiane, anche da Cina, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Grecia, Slovenia, Spagna, Tunisia, Usa.

Fra lavori della giuria e incontri tecnici per operatori e produttori – ma aperti a chiunque sia interessato, info su premiobiol.it – si arriverà alla giornata finale, venerdì mattina al Fortino S. Antonio, quando saranno proclamati i vincitori delle varie categorie: ossia del “Premio Biol” al migliore olio extravergine biologico; del “BiolPack” al miglior packaging, ossia il confezionamento di prodotto con la miglior accoppiata design-etichettatura (assegnato da una giuria ad hoc); del “BiolKids”, all’olio più gradito dai giovani palati, aggiudicato da una baby Giuria delle primarie preparata ad hoc con seminari nelle scuole delle sei province pugliesi e di Calabria, Campania, Liguria, Sardegna e Lazio, culmine di un progetto formativo che ha coinvolto 900 ragazzi (con incontri anche per genitori e insegnanti).

Il Premio Biol è patrocinato dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, Comune di Bari, Ifoam e AgroBioMediterraneo, e si svolge in collaborazione con Associazione BiolItalia, Gal – Le Città di Castel del Monte, Consorzio Puglia Natura, Axiom Group.

Premio Biol, domani il prologo con l’Extraverginity Happy Hour

Written marzo 16th, 2015
Premio Biol, domani il prologo con l’Extraverginity Happy Hour

Alle 19 nella sede di Convochiamoci per Bari si  parlerà di biologico in città,

ma anche di coratina e di cooperazione tra olio bio pugliese e tunisino.

In attesa dell’apertura ufficiale di mercoledì mattina al Palace

olio versatoPochi lo sanno, ma a Bari città ci sono la bellezza di 322 ettari olivicoli biologici. Lo dice l’Ufficio Statistico della Regione Puglia. E prenderà le mosse da questo dato il prologo del ventesimo Premio Biol, il concorso internazionale tra i migliori extravergini biologici al mondo, in programma a Bari dal 18 al 20 marzo. Prologo che, sotto il nome Extraverginity Happy Hour, si terrà domani, martedì 17 marzo, alle 19 nella sede di Convochiamoci per Bari (Via De Rossi 9). Organizzato in collaborazione con il Gas Eco Bio Equo, prevede gli interventi tematici di Nino Paparella (Il Biologico nella Città di Bari), della food blogger Orietta Giangjorio (Coratina mon amour) e poi dei giurati Kamel Ben Ammar e Alfredo Marasciulo (Oli Biologici dalla Puglia e dalla Tunisia: competizione o cooperazione). Il tutto arricchito da un beffet rigorosamente bio.

All’incontro, organizzato con il gruppo Gas Eco Bio Equo, saranno presenti di fatto i 24 esperti assaggiatori d’olio – tecnicamenteche elaiogheusti, molti dei quali anche operatori del settore e stakeholders – giunti in città da varie regioni italiane e dall’estero per comporre la Giuria internazionale del concorso, ormai punto di riferimento per il settore, come dimostrano i circa 300 oli in gara giunti da 14 Paesi.

Lo stesso panel sarà presentato poi ufficialmente, insieme alla scenografica mostra degli oli in concorso, nella cerimonia d’apertura del Biol in programma mercoledì 18, alle 10 al Palace Hotel. I lavori di assaggio dureranno due giorni; giovedì pomeriggio si terranno anche incontri su temi caldi per il settore, svariando dal flagello Xylella al ruolo del bio nella Politica agricola comunitaria, fino agli aspetti salutistici dell’olio.

Venerdì mattina al Fortino S. Antonio chiusura con la proclamazione dei vincitori, preceduta dal colorato momento della tradizionale giuria BiolKids, il minipanel dei bambini – rappresentativo di un progetto formativo svolto con 900 bambini delle elementari di Puglia, Calabria, Campania, Liguria, Sardegna e Lazio – che affiancherà i giurati senior per assegnare il premio all’olio preferito dai ragazzi.

Il Premio Biol è organizzato dal CiBi e promosso da Regione Puglia (Area Politiche per lo sviluppo rurale), Camera di Commercio di Bari e Città di Andria; patrocinato da Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, Comune di Bari, Ifoam e AgroBioMediterraneo, si svolge in collaborazione con Associazione BiolItalia, Gal – Le Città di Castel del Monte, Consorzio Puglia Natura, Axiom Group.

Gli eventi del Biol 2015

Written marzo 11th, 2015
Gli eventi del Biol 2015

Nuove opportunità ma anche gravi minacce si affacciano sul mondo dell’olivicoltura biologica, in un anno segnato da una disastrosa stagione produttiva, dalla conseguente grande richiesta sul mercato di prodotto di qualità e dall’affacciarsi della minaccia di gravi pestilenze, frutto anche dell’incuria che l’uomo non riesce ancora a contenere. Di questo si converserà durante il BIOL, con serenità e in modo assolutamente informale con olivicoltori e tecnici, per meglio prepararci alle prossime sfide che ci attendono. Naturalmente troverete tutto l’oro del mondo che il BIOL raccoglie, valuta e premia.

Questa edizione del BIOL sarà anche l’opportunità per prepararci al prossimo grande evento OASI dedicata all’olivo, la pianta che fa bene a tutti,  che si terrà a Bari presso la Fiera del Levante dal 24 al 26 aprile 2015.

Vi aspettiamo numerosi e siamo a vostra disposizione (info: 0805582512 – 3489347352 info@premiobiol.it).

Qui di seguito il PROGRAMMA DEL BIOL 2015 e l’invito ai singoli eventi:

17 Marzo 2014 ore 19 presso Convochiamoci per Bari
EXTRAVERGINITY - Tunisia e Puglia a confronto

18 Marzo 2015 ore 10 presso Hotel Palace
INAUGURAZIONE MOSTRA INTERNAZIONALE UN MONDO DI OLIO E PRESENTAZIONE DELLA GIURIA

19 marzo 2015 ore 16
INCONTRI TECNICI SU XYLELLA E NUOVA PAC E CONSEGNA DEL PREMIO BIOLPUGLIA E DEGLI ATTESTATI DI MERITO

19 marzo 2015 ore 20.30 Circolo Unione Teatro Petruzzelli
SERATA DI GALA CON CONVERSAZIONE SUL TEMA OLIO E SALUTE **

20 marzo 2015 ore 10 Fortino di Sant’Antonio
BIOLKIDS E PROCLAMAZIONE VINCITORI BIOL 2015

** evento a pagamento

La giuria Biolpack 2015

Written marzo 9th, 2015
La giuria Biolpack 2015

Nato nell’ambito del Premio Biol, il BiolPack è il premio assegnato al miglior packaging, ossia al confezionamento di prodotto con il migliore design e con la migliore e più esaustiva etichettatura. In particolare il BiolPack vuol premiare la capacità di comunicare i valori propri dell’agricoltura biologica in modo corretto e coerente con la legislazione vigente.

Un’apposita Giuria formata da comunicatori, giornalisti, rappresentanti dei consumatori e tecnici di settore prende in considerazioni solo quelle confezioni che presentano una etichetta corretta sotto l’aspetto sia normativo sia della corretta informazione al consumatore; tra queste sceglie poi quelle da premiare per il miglior design e per la più convincente capacità di comunicare “il biologico” e la qualità del prodotto.

Quest’anno la Giuria Biolpack si riunirà presso l’hotel Palace (Via Francesco Lombardi, 13, 70122 Bari) alle ore 15.00 del giorno 19 marzo.

Ecco l’elenco della giuria Biolpack 2015:

  • ALFREDO MARASCIULO – ESPERTO ETICHETTATURA
  • ANNA NEGLIA – GIURIA BIOL 2015
  • GRAHAM ROONEY – GIURIA BIOL 2015
  • DIETER OBERG – GIURIA BIOL 2015
  • MICHELE PERAGINE – GIORNALISTA
  • PAOLA CUTILLO – EDA AGRICOLE
  • CARLA MARINACI – ACU KONSUMER ITALIA
  • ROBERTO PINTON – SEGRETARIO ASSOBIO
  • CARLO CURCI – COMUNICATORE

 

Il programma del Premio Internazionale BIOL 2015

Written marzo 9th, 2015
Il programma del Premio Internazionale BIOL 2015

0001

Premio Internazionale Biol, dal 18 al 20 marzo Bari capitale mondiale dell’olio biologico

Written marzo 6th, 2015
Premio Internazionale Biol, dal 18 al 20 marzo Bari capitale mondiale dell’olio biologico

Ultimi dettagli organizzativi per il concorso internazionale
che porrà a confronto i 300 migliori extravergini al mondo

Spegne venti candeline e le festeggia tornando da Andria a Bari, il Premio Internazionale Biol. La XX edizione del più grande concorso mondiale dedicato all’olio biologico si terrà nel capoluogo dal 18 al 20 marzo, con epicentro al Palace Hotel. L’evento è organizzato dal CiBi e promosso da Regione Puglia – Area Politiche per lo sviluppo rurale, Camera di Commercio di Bari e Città di Andria.

Gli oli in concorso – L’annata, si sa, è stata molto sfavorevole, e ha fortemente penalizzato la produzione d’olio, soprattutto in Italia. “Eppure – commenta il coordinatore del Biol, Nino Paparella – alla fine abbiamo ricevuto circa trecento campioni di oli da tanti Paesi. Per noi, un nuovo, importante segnale dell’importante posizionamento raggiunto dalla nostra kermesse nel settore olivicolo”. Quest’anno gli oli provengono da 14 Paesi: Albania, Arabia Saudita, Argentina, Austria, Croazia, Grecia, Israele, Portogallo, Slovenia, Spagna, Tunisia, Turchia, Usa, e naturalmente Italia (con 65 oli pugliesi).

La Giuria Internazionale – Uno dei vanti della manifestazione è la qualità della sua Giuria internazionale, guidata dal capopanel Giorgio Cardone e formata da 24 esperti (tutti assaggiatori, e molti di fatto anche importanti operatori e stakeholders) provenienti, oltre che da varie regioni italiane, anche da Cina, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Grecia, Slovenia, Spagna, Tunisia, Usa.

I Premi – Ormai sono dei classici: il “Premio Biol”, rivolto al migliore olio extravergine biologico imbottigliato all’origine e pronto per la commercializzazione; il “BiolPack”, per il miglior packaging, ossia il confezionamento di prodotto con il migliore design e l’etichettatura più chiara; il “BiolKids”, all’olio più gradito dai giovani palati, assegnato da una baby Giuria delle scuole elementari preparata ad hoc con seminari nelle scuole pugliesi e di Calabria, Campania, Liguria, Sardegna e Lazio che hanno coinvolto 900 ragazzi (con seminari anche per genitori e insegnanti). Infine, i riconoscimenti territoriali, come le Gold e Silver Medal.

Il PROGRAMMA – Prologo martedì 17 marzo con l’Extraverginity Happy Hour, alle 19 nella sede di Convochiamoci per Bari (Via De Rossi 9), in collaborazione con il Gas Eco Bio Equo, con gli interventi tematici di Nino Paparella (Il Biologico nella Città di Bari), della food blogger Orietta Giangjorio (Coratina mon amour), infine dei giurati Kamel Ben Ammar e Alfredo Marasciulo (Oli Biologici dalla Puglia e dalla Tunisia: competizione o cooperazione).

Da mercoledì 18, il Palace diventa il quartier generale della manifestazione: alle 10, cerimonia inaugurale con gli interventi, fra gli altri, dell’assessore regionale alle Risorse agrolimentari Fabrizio Nardoni, del presidente della Camera di Commercio di Bari Alessandro Ambrosi, dell’assessore comunale all’Ambiente Pietro Petruzzelli. La Giuria sarà presentata sullo sfondo della mostra “Un Mondo d’Olio”, con gli extravergini in concorso. A seguire, si avvieranno i lavori del panel, che proseguiranno sino alle 17 (alle 19 i giurati parteciperanno a un tour per Bari Vecchia curato dallo Iat di Bari). Giovedì 19, seconda giornata di giuria, intervallata dalla riunione alle 15 della giuria BiolPack – formata da esperti di comunicazione, certificazione e consumo. Quindi, dalle 17 alle 19, apertura al pubblico per due incontri tecnici tematici su temi caldi per il settore: il primo su “Olivo, Xilella e biologico”, di cui parlerà l’esperto fitopatologo Antonio Guario; il secondo con Gabriele Papa Pagliardini, direttore Area Politiche sviluppo rurale Regione Puglia, su “Pac, Psr 2014-20 e Biologico”; (una terza conversazione, su “Olio di Oliva e Salute”, si terrà alle 20.30 nel Circolo Unione col giornalista agronomico Roberto De Petro e la nutrizionista Annamaria Pasquadibisceglie, nell’ambito della cena di gala del Biol).

Venerdì 20 marzo, infine, trasferimento al Fortino S. Antonio per l’ultima giornata della kermesse vedrà protagonista la Giuria dei bambini, che alle 10 affiancherà i giurati senior per assegnare il BiolKids. Ultimo atto alle 12, con la proclamazione dei vincitori (dettagli di tutti gli eventi su www.premiobiol.it).

Il Premio Biol è patrocinato dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, Comune di Bari, Ifoam e AgroBioMediterraneo, e si svolge in collaborazione con Associazione BiolItalia, Gal – Le Città di Castel del Monte, Consorzio Puglia Natura, Axiom Group.

 

 

 

Ufficio Stampa: Fabio Nardulli 

Premio Biol, iscrizioni prorogate al 25 febbraio

Written febbraio 17th, 2015
Premio Biol, iscrizioni prorogate al 25 febbraio

Premio Biol, iscrizioni prorogate al 25 febbraio

Nonostante l’annata sfavorevole, finora sono ben 300 i campioni d’olio biologico già arrivati per il concorso internazionale in programma a marzo a Bari

Prorogate le iscrizioni al XX Premio Biol, il concorso per i migliori oli biologici al mondo, in programma a Bari dal 18 al 20 marzo. Sulla scia delle crescenti richieste da parte dei produttori, il termine per la raccolta dei campioni di extravergine è slittato a mercoledì 25 febbraio. “Nonostante l’evidente annata sfavorevole, cha ha fortemente penalizzato, almeno quantitativamente, la produzione d’olio in particolare in Italia – commenta il coordinatore del Biol, Nino Paparella – abbiamo già ricevuto trecento campioni di oli da tanti Paesi. Ennesimo riscontro dell’importante posizionamento raggiunto dalla nostra kermesse nel settore olivicolo. Visti i ritmi degli arrivi in questi ultimi giorni, preannunciati dalle iscrizioni online, la proroga è stata la decisione più logica. Nel frattempo, stiamo ultimando il programma della manifestazione”.

Per le iscrizioni, dunque, le aziende che producono, imbottigliano o commercializzano olio extravergine biologico possono ancora iscriversi – e, cosa importante, far giungere i campioni – entro il 25 febbraio via web su www.premiobiol.it, o contattando il CiBi-Consorzio Italiano per il Biologico: info@premiobiol.it; tel. 080 5582512.

 

Per la ventesima edizione il Premio Biol torna a Bari: aperte le iscrizioni

Written gennaio 7th, 2015
Per la ventesima edizione il Premio Biol  torna a Bari: aperte le iscrizioni

Per la ventesima edizione il Premio Biol

torna a Bari: aperte le iscrizioni

Dal 18 al 20 marzo in Fiera del Levante il concorso internazionale che pone a confronto i migliori oli extravergini biologici al mondo. Iscrizioni e invio dei campioni entro il 15 febbraio

Vent’anni all’insegna delle eccellenze olivicole biologiche, selezionate in tutto il mondo. Per celebrare la cifra tonda il Premio Biol, la manifestazione-concorso che pone a confronto in Puglia i migliori oli bio-extravergini dei vari continenti, dopo le edizioni andriesi torna a Bari. Il capoluogo la ospiterà infatti in Fiera del Levante dal 18 al 20 marzo. Anche quest’anno l’organizzazione tecnica del CiBi sta lavorando per un programma ricco di eventi culturali, gastronomici e tecnici, che affiancheranno il concorso internazionale. Il tutto, con l’obiettivo di valorizzare le differenze – e i diversi patrimoni culturali connessi – che caratterizzano il variegato mondo dell’olio extravergine d’oliva biologico.

Intanto sono state aperte le iscrizioni: le aziende che producono, imbottigliano o commercializzano olio extravergine biologico possono iscriversi – e, cosa importante, far giungere i campioni – entro il 15 febbraio via web su www.premiobiol.it, o contattando il CiBi-Consorzio Italiano per il Biologico: info@premiobiol.it; tel. 080 5582512. 

Anche quest’anno la giuria (costituita da esperti provenienti dalle diverse regioni olivicole del mondo) assegnerà vari riconoscimenti: il “Premio Biol”, rivolto al migliore olio extravergine biologico imbottigliato all’origine e pronto per la commercializzazione; il “BiolPack”, per il miglior packaging, ossia il confezionamento di prodotto con il migliore design e l’etichettatura più chiara, più vari riconoscimenti territoriali e tematici, tra cui il BiolKids, riservato ai giovani palati delle scuole elementari.