News

Medaglie Gold e Silver Biolmiel 2016

Vincitori

Per l’edizione 2016 del premio internazionale BIOLMIEL le medaglie High Quality sono state così assegnate in base all’analisi sensoriale della Giuria Internazionale BIOLMIEL:

Gold Medal millefiori: max 100/100 – min 85/100
Gold Medal monoflora: max 100/100 – min 90/100
Silver Medal millefiori: max 84/100 – min 75/100
Silver Medal monoflora: max 89/100 – min 81/100
Sono stati esclusi dall’assegnazione delle medaglie i mieli con HMF > 10 mg/Kg o con umidità > 18%.

Medaglie Millefiori BIOLMIEL 2016

Medaglie Monoflora BIOLMIEL 2016

Proclamati a Bologna i Vincitori del Premio BIOLMIEL 2016

IMG_8632

Con la proclamazione del miele e dell’olio vincitori sono terminati il 27 novembre lavori dei Premi Internazionali BIOLMIEL e BIOLNOVELLO 2016, dopo tre giorni ricchi di eventi.

La giuria degli assaggiatori del BIOLNOVELLO non ha avuto dubbi nel definire tutti i finalisti in lizza quest’anno degni di vincere il premio: alla fine lo scarto di punteggio è stato davvero minimo. Ecco i vincitori:

Primo posto all’Azienda laziale Quattrociocchi con il suo Olivastro, monocultivar Itrana.

Secondo posto del podio all’azienda siciliana Agrestis con il suo Bell’Omio con varietà prevalente della cultivar Tonda Iblea.

Terzo classificato lo spagnolo Rincon de la Subbetica – DOP “Priego de Cordóba”, monovarietale Hojiblanca.

Per il concorso BIOLMIEL, per i mieli uniflorali e primo classificato in assoluto, il miele di melata di Metcalfa dell’ Az. Alberto Pesavento di Pordenone con un punteggio d’eccezione: 100/100 punti. Per gli stranieri, primo posto al miele di melata di quercia prodotto dall’azienda greca Melisses oi Magisses.

Per la categoria millefiori, primo posto italiano all’Az. Agricola Ventimiglia; primo tra gli stranieri, e secondo per punteggio per questa categoria, lo spagnolo dell’azienda La Abeja del Guanche.

L’esercizio sensoriale non ha rappresentato nell’edizione bolognese una pratica esclusiva per i giurati, ma anche per studenti, bambini e pubblico in generale. Sono stati infatti predisposti un Bar dell’olio e uno del miele presso la Manifattura delle Arti permettendo così ai cittadini di Bologna di poter scoprire questi due prodotti, anche durante il Mercato della Terra che si è tenuto sabato 26 presso questa sede. Durante gli eventi si sono susseguiti anche mini-corsi gratuiti di avvicinamento all’analisi sensoriale di olio e miele biologico.

I vincitori del premio internazionale BIOLMIEL 2015

BIOL BOLOGNA premia l’olio d’Abruzzo e i mieli di Romania e Turchia Sul podio anche Sardegna, Calabria, Grecia e Puglia BIOL BOLOGNA ha premiato l’olio italiano e il miele dell’Est Europa. L’evento che riunisce sotto uno stesso “tetto” BIOL NOVELLO, il premio internazionale per l’EVO biologico della nuova stagione, e BIOL MIEL, riconoscimento internazionale per il miglior miele biologico, ha infatti visto primeggiare rispettivamente l’olio dell’Abruzzo e i mieli di Romania e Turchia. Entrambi i premi sono tra i “fratelli minori” del più grande PREMIO BIOL, arrivato a festeggiare quest’anno il suo XX° anniversario. Le due giurie internazionali, composte da più di 20 esperti provenienti da ogni parte del mondo, si sono riunite giovedì 26 e venerdì 27 novembre al CREA API di Bologna e hanno decretato la terna vincente per ogni categoria in gara. Per quanto riguarda Biol Novello, giunto quest’anno alla sua II edizione, fra gli oltre 150 prodotti in gara provenienti dal bacino del Mediterraneo il primo premio è andato a Trappeto di Caprafico, dell’Az. Agricola Tommaso Masciantono in provincia di Chieti (Dop Colline Teatine). Al secondo posto è arrivato Vantu (di Orosei in Sardegna) di Sandro Chisu. Sul terzo gradino del podio si è piazzato Tenute Librandi monocultivar Nocellara del Belice, di Vaccarizzo Albanese in provincia di Cosenza. A Biol Miel per questa IX edizione hanno concorso 190 mieli, di cui 98 italiani e i restanti provenienti soprattutto dalla Grecia (67), e poi Spagna, Germania, Slovenia, Turchia, Romania, Emirati Arabi Uniti e Croazia. Il primo premio per il miglior monoflora biologico è andato al miele di acacia Sc Proecolog Srl prodotto in Romania. Medaglia d’argento per il miele di melata di bosco Haida dalla Grecia e bronzo al miele di melata di pino Melisanthi, anch’esso proveniente dalla Grecia. Per la categoria millefiori si è invece imposto Egricayir dalla Turchia, che ha superato Corfu Beekeeping Vasilakis (Grecia), giunto secondo, e Alveus di Giuseppe Masciulli prodotto a Martina Franca (Taranto), che ha guadagnato la medaglia di bronzo. Si conclude così un’edizione innovativa di BIOL che per la seconda volta, dopo il debutto 2014 alla Reggia di Caserta, ha riunito in una stessa location le eccellenze internazionali dei “re del giallo”, facendo conoscere ai consumatori, ma soprattutto ai tanti giovani e giovanissimi coinvolti nei laboratori, i prodotti biologici di altissima qualità. Biol Bologna 2015 è stato organizzato da Consorzio Cibi, CREA, Conapi e Albo nazionale esperti dell’analisi sensoriale del miele, con il contributo di Buono e Bio e Biolitalia e il patrocinio del Comune di Bologna. Bologna, 28/11/2015

Clicca per visualizzare il CS

BiolBologna – Il programma delle attività

PROGRAMMA DEFIN. BIOLBOLOGNA

Bologna – Il sapore buono dell’olio evo e del miele biologico della nuova stagione

Layout 1

Partecipa al premio internazionale Biolmiel 2015

L’edizione 2015 del premio internazionale BIOLMIEL, quest’anno organizzata in concomitanza con BIOL NOVELLO – il premio per il miglior olio extra vergine d’oliva della nuova campagna olearia, si terrà a Bologna il 26 e il 27 novembre, con gli assaggi della giuria internazionale, sotto la guida del capo panel Gian Luigi Marcazzan, presso il CRA Api. Per l’iscrizione cliccare qui.

Un miele greco e uno sloveno vincono BIOLMIEL 2014: per la prima volta podio tutto estero

BARI – Sui tavoli, 162 vasetti gialli. E bicchieri per assaggiarne il contenuto. E mele da alternare agli assaggi, per resettare le papille gustative. Dentro i vasetti, mieli delle migliori qualità, rigorosamente biologici, provenienti da varie nazioni. Sono stati 162 i mieli bio in gara al BIOLMIEL, l’unico concorso internazionale al mondo riservato ai migliori mieli biologici, svoltosi a Bari. E a salire sul podio, per la prima volta, sono stati tutti mieli esteri.
Ecco le classifiche, ufficializzate stamattina dopo le consuete controanalisi di rito. Monoflora: sul gradino più alto il greco Fir Honey – Melissourgion, miele di melata di abete; a seguire il tedesco Waissetannenhonig – Blütenland Bienenhöfe, miele di melata di abete bianco; quindi il Mel Ecològica Vall del Montcau miele di rosmarino prodotto in Spagna dall’azienda omonima.
Millefiori: primo posto per lo sloveno Eko Med – Bracko; secondo per lo spagnolo Miel de las Cumbres de Gran Canaria – La Abeja Del Guanche; terzo per il greco Honey from Corfu – Beekeeping Vasilakis.
Primi italiani, premiati in fascia alta, l’Apicoltura Zipoli per il Miele di Melata di Metcalfa prodotto a Romanengo (Cremona) e, tra i millefiori, l’Azienda Agr. Vaccaro di Potenza.
L’ottava edizione dell’evento, emanazione dell’analogo Premio Biol per gli oli biologici, è stata una tre giorni aperta da una conferenza introduttiva all’analisi sensoriale del miele curata dal capo panel della giuria internazionale, Gian Luigi Marcazzan, con degustazione pubblica di campioni di mieli tipici uniflorali. Quindi i lavori si sono spostati nel Salone Unioncamere Puglia in Fiera del Levante per l’assaggio dei 162 mieli, provenienti oltre che dall’Italia anche da Grecia, Germania, Romania, Spagna, Slovenia, Macedonia, Canada e Turchia. Sempre in Fiera, giornata finale con la Mostra “Un Mondo di Miele Biologico e di Api”, laboratori di degustazione e un incontro sull’apicoltura bio che si è chiuso con la proclamazione dei vincitori.
“Nonostante l’annata caratterizzata da scarsa produzione – ha commentato il capo panel Marcazzan – siamo molto soddisfatti per aver mantenuto la stessa partecipazione dello scorso anno, con incremento dei prodotti esteri: per quantità e, visto il podio, soprattutto per qualità, con ottimi mieli greci e tedeschi. Molto buono, comunque, il livello dei migliori mieli italiani. In generale, punteggi molto alti, tra i monoflora, per i mieli di melata di abete”.
Tenutosi in passato anche in Sicilia, Calabria, Emilia Romagna e Argentina, il BiolMiel è organizzato dal CIBi in collaborazione con il CRA-Api di Bologna, e il patrocinio della Camera di Commercio di Bari.

BIOLMIEL 2014

Si svolgerà a Bari dall’11 al 13 dicembre la nuova edizione del BIOLMIEL, l’unico  premio internazionale dedicato al miele biologico, evento al quale hanno partecipato l’anno scorso più di 160 mieli provenienti da tutto il mondo e in particolare dall’Italia e dall’area del Mediterraneo. Gli assaggi della Giuria Internazionale si terranno presso la Camera di Commercio di Bari, ente patrocinante dell’evento, e saranno affiancati da momenti di avvicinamento al prodotto miele, con degustazioni guidate di mieli biologici tenute dal Capo Panel BIOLMIEL Dott. Gian Luigi Marcazzan, del CRA-Api di Bologna, partner del CIBi nell’organizzazione anche di questa ottava edizione.

Vincitori BiolMiel 2013

Vincitori e riconoscimenti 2013

Per questa settima edizione del premio internazionale BIOLMIEL, come per l’edizione passata, le medaglie High Quality BIOLMIEL sono state così assegnate in base all’analisi sensoriale della Giuria Internazionale BIOLMIEL:
Gold Medal millefiori: max 100/100 – min 85/100
Gold Medal monoflora: max 100/100 – min 90/100
Silver Medal millefiori: max 84/100 – min 75/100
Silver Medal monoflora: max 89/100 – min 81/100
Sono stati esclusi dall’assegnazione delle medaglie i mieli con HMF > 10 mg/Kg o con umidità > 18%.

Medaglie d’Oro BIOLMIEL 2013

Medaglie d’Argento BIOLMIEL 2013

Vincitori e riconoscimenti 2012

Vincitori 2012

BIOLMIEL-2012-SILVER-MEDAL-IT

BIOLMIEL-2012-GOLD-MEDAL-IT

Convegno BIOLMIEL 2013 – Taranto

Il 7 dicembre 2013, nell’ambito degli eventi promossi dal BIOLMIEL, si è tenuto a Taranto, presso l’Oratorio Murialdo del rione Tamburi, il convegno “Salvaguardiamo l’universo delle api e del miele”. Al convegno hanno partecipato diversi apicoltori e personalità del settore. Sono intervenuti con loro testimonianze e presentazioni Padre Nicola Prezioso del Cem Murialdo, il coordinatore BIOL Nino Paparella, il Dr. Rocco Addante dell’Università degli Studi di Bari, il Prof. Drazen Lusic dell’Università di Rijeka, la Dr. Mojca Korosec dell’Università di Ljbljana, Marco Valentini di Bioapi, e il Dr. Gian Luigi Marcazzan del CRA-Api di Bologna. Qui di seguito trovi le presentazioni tenutesi durante l’incontro.

Drazen_Lusic_BiolMiel_2013

Marcazzan_BiolMiel_2013

Mojca_Korosec_BiolMiel_2013

Rocco_Addante_Apicoltura_in_Puglia_7 _dicembre_2013